Maioliche antiche: alla scoperta di questi veri e propri pezzi d’arte e di antiquariato

Maioliche antiche

Con le loro sfumature dai toni gioiello, le forme stravaganti e la personalità a tutto campo le maioliche aggiungono gioia di vivere alle case degli amanti dello stile antico e non solo.

Apprezzati per essere originali fatti a mano, ognuno ha richiesto ore di progettazione e “realizzazione”, i pezzi di maiolica sono considerati opere d’arte oggi piuttosto che ceramiche di tutti i giorni.

È facile capire perché gli stili siano così ambiti da designer e collezionisti.

I primi esempi di maioliche realizzate in terracotta dai colori vivaci a fuoco basso, sono emersi per la prima volta nel 1400 durante il Rinascimento italiano. L’uso di uno smalto colorato di stagno sulla ceramica è stata un’innovazione che gli artisti ceramisti italiani hanno adottato dalle tecniche osservate sulle importazioni spagnole. Nel corso dei secoli che seguirono, la maiolica cadde in disgrazia a causa del mutare dei gusti e degli stili di ogni epoca, ma raggiunse il suo apice durante il XIX secolo quando la principale fabbrica di ceramica europea, la Minton Company, introdusse commercialmente le maioliche nel 1851.

Inviaci le fotografie degli oggetti antichi che desideri vendere all’indirizzo e-mail cina@barbieriantiquariato.it

[divider align=”center”]

[gap height=”30px”]

[row]

[col span__sm=”12″ align=”center”]

[row_inner]

[col_inner span=”6″ span__sm=”12″]

[ux_image id=”2392″ image_size=”medium”]

[/col_inner]
[col_inner span=”6″ span__sm=”12″]

I FRATELLI BARBIERI

… esperti commercianti d’arte provenienti da due generazioni di antiquari e presenti nelle più importanti manifestazioni, si avvalgono della loro esperienza e dell’aiuto di professori ed esperti per eseguire stime e perizie accurate ed imparziali del valore di ogni tipo di oggetto antico.

[/col_inner]

[/row_inner]

Valutazione dell’oggetto a prezzi di mercato senza alcun 
vincolo per la proprietà.
Prima stima su fotografia gratuita e senza impegno.

[gap height=”5px”]

[divider align=”center”]

[gap height=”30px”]

[/col]

[/row]

Acquistiamo e vendiamo Maioliche antiche

Maioliche siciliane

La tradizione delle maioliche siciliane è la più antica della penisola, essa risale addirittura al Neolitico, periodo di maggiore floridità nella lavorazione delle ceramiche. Una nuova primavera quest’arte la subisce durante la conquista araba dell’827 che ne rivoluziona lo stile, le forme, i colori, i decori e le tecniche di lavorazione. Sono gli arabi infatti i primi in assoluto ad utilizzare la tecnica di invetriatura piombifera del vasellame, ovvero smaltare gli oggetti di terracotta con un materiale in grado di vetrificare in cottura, come il silicio (sostituito dallo stagno ad esempio dagli spagnoli, e dunque dagli artigiani napoletani della scuola aragonese).

Nonostante la tecnica delle maioliche siciliane spopola su tutta l’isola, è quella della città di Palermo a primeggiare nei secoli. Con l’influsso spagnolo della seconda metà del XIV sec., si introducono nuovi colori, come il blu accostato al giallo, il verde e il manganese, ma soprattutto il dominante è l’azzurro cinerino, che nel Settecento diventerà azzurro carico, sino ad arrivare al blu, con motivi che riprendono le penne di pavone, decori vegetali, che diventeranno successivamente decori a rilievo.

Maioliche antiche napoletane

Quella delle maioliche antiche napoletane è una tradizione che si fa risalire addirittura al 1450, quando Alfonso il Magnanimo, re aragonese, importò questa tecnica di rivestimento della ceramica con smalto stannifero e decorate successivamente con colori minerali, dalla Spagna. I napoletani iniziarono così a produrre le cosiddette “riggiole napoletane”, ovvero le mattonelle in cotto maiolicato.

Nella seconda metà del Quattrocento il Maschio Angioino (allora chiamato Castel Nuovo) divenne una grande fucina di artisti, tra cui abili ceramisti. Ad essi va dato il merito di aver cambiato lo stile delle maioliche, superando i motivi stilizzati e geometrici tipici della tradizione araba e ispanica, sostituendo ad essi soggetti umanizzati, estrapolati dalla dalla scultura e medaglistica rinascimentale, creando un vero e proprio storytelling su delle semplici piastrelle antiche.

Stemmi gentilizi, simboli araldici, ritratti di profilo sono dipinti nel tozzetto, nella parte centrale, della mattonella.

Attualmente la tradizione delle antiche maioliche napoletane continua a sopravvivere e si presta soprattutto a pavimenti di decorazione di ambienti esterni, poiché – grazie ai materiali costituenti – risultano molto resistenti alle intemperie ambientali e a contatto con l’acqua i colori smaltati risultano più luminosi e cangianti.

Pavimenti antichi, quali sono i prezzi

Per quanto riguarda i pavimenti antichi, una scelta sempre più comune di arredamento domestico, non esiste un prezzo univoco, infatti ogni pezzo ha le sue caratteristiche peculiari. Esse non sono solo date dal materiale in sé, ma anche dalla provenienza e dallo stato di conservazione. I prezzi sono quindi diversi, come lo sono i materiali e l’origine.

Maioliche antiche di antiquariato, come riconoscere i pezzi originali

Uno dei grandi interrogativi degli appassionati del genere è come capire se un pezzo è autentico o una riproduzione moderna. Quando si tratta di acquistare maioliche per la casa e la collezione, bisogna tener conto del proprio gusto personale e della fascia di prezzo. Ci sono veri, autentici pezzi di maioliche antiche di antiquariato in ogni gamma e qualità!

Questi suggerimenti ti permetteranno di acquistare pezzi che sono una vera forma d’arte, riconoscendo l’originalità del tempo.

  1. Comprarli direttamente in uno studio di creazione

Il modo migliore per poter individuare una riproduzione moderna della maioliche è visitarne alcune dal vivo. Vai in un museo, nella collezione di un antiquario o guarda alcuni dei pezzi di autentiche maioliche e cerca le somiglianze.

  1. Qualità

Le maioliche moderne sono chiaramente inferiori in termini di valore rispetto ai veri pezzi del XIX e dell’inizio del XX secolo. Non avranno la stessa accurata pittura, dettagli nettamente modellati, né quel fattore “wow” che avrà un vero pezzo di maiolica antica. Ma non lasciarti scoraggiare di ciò, per fortuna l’arte della ceramica si tramanda in molti borghi d’Italia, come vedremo più avanti, e trovare pezzi moderni addirittura più originali delle antiche non è impossibile.

  1. Colore dello smalto

Le maioliche antiche autentiche sono molto colorate, i loro smalti avranno una tonalità di colore ricca e brillante. Le riproduzioni moderne saranno molto più sgargianti nei loro colori. Le linee di produzione di copie più recenti non consentono lo stesso accurato controllo di qualità che avevano i pezzi vittoriani per le quantità superiori di produzione.

  1. Peso

Le maioliche antiche avranno un certo peso. Sono pezzi pesanti. Le riproduzioni moderne saranno molto, molto “più leggere”

  1. Sotto Superficie

I pezzi di maiolica antica avranno un corpo sotto lo smalto che è rosa, blu, verde, giallo dorato o crema. Alcuni pezzi hanno una superficie inferiore “screziata” di blu-marrone, blu-nero. I pezzi più recenti avranno molto probabilmente una superficie inferiore bianca.

  1. Condizioni

La maggior parte di collezionisti e appassionati cerca i pezzi più incontaminati che si possano trovare. Le scheggiature o le crepe di grandi dimensioni che attraversano un pezzo sono difficili da accettare. I vetri opachi o sembrano troppo pesanti sono un’altra cosa che non molti collezionisti vogliono vedere nella loro amata collezione di maioliche.

Ma ogni tanto possiamo lasciarci trasportare da un pezzo che è stato riparato. Se non sei un perfezionista, ci sono un sacco di bellezze in maiolica là fuori che ti aspettano, a un prezzo molto più amichevole.

Torna in alto